Sono un architetto "falsa partita Iva"
per tutti ma non per la Fornero

Sono un architetto di 35 anni, da cinque anni lavoro con partita Iva in uno studio tecnico. Tutto il mio compenso deriva dal medesimo sostituto di imposta e ho una postazione fissa, ma secondo la riforma Fornero non rientrerei nelle false partite Iva, in quanto percepisco circa 20.000 euro lordi annui (circa 1.000 euro netti al mese) e quindi supero lo scandaloso sbarramento dei 18.000 euro fissato dalla legge al di sotto del quale viene riconosciuta la falsa partita Iva.

Tutto ciò è ridicolo e non risolve il problema della precarietà di decine di migliaia di laureati professionisti partite Iva che continueranno ad essere sfruttati per mille euro al mese.

Antonio
Padova

martedì 31 luglio 2012



Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Sono un architetto "falsa partita Iva"
per tutti ma non per la Fornero
I commenti su questo articolo sono chiusi.
CONDIVIDI LA NOTIZIA
SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU TWITTER
I commenti su questo articolo sono chiusi.
0 commenti presenti
Indietro
Avanti